top of page

BLOG

André Kertész

Aggiornamento: 27 mag

Scoprendo la Magia dell'Ordinario: Il Genio Fotografico di André Kertész

Nel vasto panorama della fotografia del XX secolo, pochissimi nomi risplendono con la stessa intensità di André Kertész. Ungherese, nato a Budapest il 2 luglio 1894, non solo ha contribuito in modo significativo allo sviluppo della fotografia come forma d'arte, ma ha anche lasciato un'impronta indelebile nel mondo dell'arte visiva, grazie alla sua propsettiva unica e alla sua maestria nel catturare l'essenza della vita quotidiana.



Il Percorso di un Visionario

Kertész inizia la sua carriera fotografica fin da giovane, ma la svolta decisiva avviene quando si trasferisce a Parigi nel 1925. Qui, immerso nell'effervescente fermento artistico della città, Kertész inizia a sperimentare con la fotografia, catturando gli aspetti più intimi e ordinari della vita urbana parigina. I suoi primi scatti, spesso realizzati con una macchina fotografica a soffietto 35mm, riflettono una sensibilità e una profondità emotiva che lo avrebbero reso celebre in tutto il mondo.



L'estetica di Kertész

Ciò che distingue le fotografie di Kertész è la sua capacità di trasformare l'ordinario in straordinario. Attraverso l'uso sapiente della luce, della composizione e dell'angolazione, riesce a conferire un senso di poesia anche alle scene più banali. Le sue immagini sono intrise di un'intimità silenziosa, che permette allo spettatore di immergersi completamente nel momento catturato dall'obiettivo.

Le strade di Parigi divengono letteralmente il suo studio a cielo aperto, e Kertész si dedica a documentare la vita quotidiana della città con uno sguardo attento e compassionevole. Le sue fotografie catturano momenti fugaci e gesti spontanei, dando vita a immagini che trasudano vitale autenticità. Dal romanticismo delle rive della Senna ai ritmi frenetici dei mercati parigini, Kertész colse l'essenza stessa della città e dei suoi abitanti.


Collaborazioni e pubblicazioni

Tra le pubblicazioni più famose di Kertész vi è "Day of Paris" (1930), una raccolta di fotografie che rappresenta una delle prime esplorazioni del genere della fotografia di strada. Questo libro, insieme ad altre opere seminali come "Paris Vu Par" (1931) e "Distortions" (1933), ha contribuito a consolidare la reputazione di Kertész come uno dei fotografi più innovativi e influenti del suo tempo.

L'eco delle opere di Kertész si è fatta sentire in tutto il mondo della fotografia. Le sue tecniche pionieristiche, come l'uso dello snapshot e il taglio netto delle immagini, hanno influenzato generazioni di fotografi successivi. Il suo stile distintivo, caratterizzato da composizioni intuitive e una profonda sensibilità verso l'umanità, ha aperto nuove strade per l'espressione artistica e ha contribuito a ridefinire i confini della fotografia come forma d'arte.

La sua reputazione di fotografo di talento gli vale diversi incarichi importanti ma, nonostante l'indiscusso successo commerciale, Kertész mantiene sempre la sua integrità artistica, continuando a concentrarsi sulla sua visione personale della fotografia. Lavora come fotografo freelance per diverse riviste e agenzie fotografiche, tra cui "Vu" e "Life", "Vanity Fair", "Harper's Bazaar", "House & Garden", "Paris Match" e "Look". Collabora inoltre con Magnum Photos in vari progetti, con molti dei fotografi associati all'agenzia fondata nel 1947 da Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, George Rodger e David Seymour.

Sue opere sono state esposte in molte gallerie d'arte e musei di tutto il mondo come il Museum of Modern Art (MoMA) di New York, il Centre Pompidou di Parigi e la National Gallery of Art di Washington, DC.


Da "Distortions" (1933)

L'eredità di Kertész

L'influenza di Kertész si estende ben oltre il suo tempo. Le sue fotografie hanno ispirato intere generazioni di artisti, sia nel campo della fotografia che in quello delle arti visive in generale. La sua capacità di trasformare il quotidiano in straordinario ha aperto nuove strade per l'espressione artistica e ha dimostrato che la bellezza può essere trovata ovunque, anche nei luoghi più comuni e trascurati.

Le sue opere continuano a essere studiate e celebrate per la loro profondità emotiva e la loro raffinata estetica. Dai ritratti intimi alle composizioni astratte, Kertész ha dimostrato una versatilità e una creatività straordinarie che lo hanno reso uno dei fotografi più influenti della sua epoca.

Famosa la citazione di un gigante come Herny Cartier-Bresson sulla sua opera: “Tutto quello che abbiamo fatto, Kertész l’ha fatto prima.


Per quanto possa sembrare un pensiero anacronistico, in un mondo occidentale dominato dalla frenesia, dalla superficialità e dalla sovrabbondanza di immagini usa e getta, le fotografie di André Kertész sono da interpretare come un monito benevolo e un invito a cogliere l'importanza di rallentare per osservare il mondo che ci circonda con occhi nuovi e grati e a celebrare l'ordinario come straordinario.

Un autentico poeta dell'immagine, il cui lavoro continua a toccare il cuore e l'anima di chiunque abbia la fortuna di incontrarlo attraverso i suoi scatti senza tempo.



Tutte le immagini pubblicate su questo blog sono di proprietà dei rispettivi autori e tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione, la distribuzione o l'utilizzo non autorizzato delle immagini senza il consenso scritto degli autori.


84 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page